accessible design universal design inclusive design
06/05/2017

Parliamo di Universal Design: HACK-cessibility Days Ancona e World Usability Day Roma

Natalia Molchanova

Natalia Molchanova

Noi che ci occupiamo di tecnologia e sviluppiamo quotidianamente software o realizziamo dispositivi elettronici/meccanici, possiamo fare molto per rendere più facile l’utilizzo delle nostre creazioni da parte di persone con delle disabilità…

Il mondo sta cambiando, ma le società faticano a trasformarsi in comunità aperte, bilanciate ed inclusive. Le tecnologie stanno avanzando in parallelo a cambiamenti politici e demografici, ma spesso durante lo sviluppo o progettazione dei prodotti o servizi digitali si dimentica di tenere presente l’unicità delle persone, i contesti e le problematiche che vivono quotidianamente, i bisogni, le necessità e le barriere che hanno nell’uso.

Quello che progettiamo oggi sarà decisivo per come vivremo domani.
— Fabio Sergio, Frog

Sei anni fa in un post sul blog Joe Devon, un sviluppatore web, ha voluto ammettere che l’accessibilità del web è più importante della sua estetica, ma si vergognava come erano poche le sue conoscenze per farlo.

I would argue that it’s more important to make a site accessible than pretty for older browsers. For some people, an accessible Internet literally makes a world of difference. Although I’m a backend programmer, I’m still ashamed at how little I know. How about you?

Ha lanciato un invito di unire le forze e dedicare almeno un giorno dell’anno per organizzare degli eventi in cui i partecipanti possano “parlare, pensare, imparare e diventare più consapevoli di ciò che riguarda l’accesso e l’inclusività digitale (web, software, mobile, …) da parte delle persone con delle disabilità” e da quell’invito è nato il Global Accessibility Awareness Day (GAAD), giunto oggi alla sua sesta edizione.

Un post sul blog è bastato per spingere il mondo verso un cambiamento: non si dedica un solo giorno per pensare all’accessibilità, oggi è uno degli aspetti centrali del design e dell’usabilità. Per questo il tema globale assegnato al 2017 dalla commissione del World Usability Day è Inclusion through User Experience. A novembre ne parleremo anche a Roma con voi, durante il World Usability Day Rome 2017ma prima a maggio ad Ancona durante le giornate di HACK-cessibility Days 2017, un evento che si svolgerà appunto in occasione del Global Accessibility Awareness Day (GAAD).

Cosa significa essere inclusivi quando si tratta di design?

Universal Access, o accesso universale, e inclusività diventano dei temi fondamentali per il mondo del design dei prodotti, servizi e della comunicazione perché creare un mondo migliore significa trovare soluzioni funzionati, accessibili e scalabili senza escludere nessuno. Ricordiamoci che in Italia vivono oltre 3 milioni di persone con gravi disabilità: solo un milione e centomila hanno una indennità di accompagnamento.
Multicanalità, smaterializzazione digitale dell’ambiente in cui viviamo rende necessario che tutto, a partire da intrattenimento fino ai sistemi di interazione e di contatto con i soggetti essenziali per un cittadino come i servizi sanitari, municipali e finanziari, che siano accessibili a tutti.

The power of the Web is in its universality.
Access by everyone regardless of disability is an essential aspect.
Tim Berners-Lee, W3C Director and inventor of the World Wide Web

Design inclusivo, design per tutti, inclusività digitale, usabilità universale e altri tentativi di definire una serie di problematiche nel fare la tecnologia disponibile e usabile per tutte le persone, a prescindere dalla loro età, capacità, situazione economica, educazione, posizione geografica, madrelingua etc. L’accessibilità si concentra sulle persone con disabilità – uditive, cognitive, neurologiche, fisiche, lessicali o visive. Il design inclusivo crea degli intrecci tra molteplici discipline ed invita a riunirsi insieme i designer, developer, maker, ricercatori e altri professionisti per ottimizzare gli sforzi e definire gli obiettivi comuni. Il miglioramento della qualità della vita deve passare necessariamente attraverso l’agevolazione dell’accesso universale in quanto gli ostacoli digitali che una persona può incontrare sul suo itinerario dell’utente possono essere più bloccanti rispetto a quelli fisici.

Design Accessibile – Definizione

Design focussed on principles of extending standard design to people with some type of performance limitation to maximize the number of potential customers who can readily use a product, building or service.
— ISO/IEC Guide 71

I principi e le sfide principali del design accessibile

Secondo la Commissione Europea ci sono tre principali strategie per l’accessibilità:

  • design for most users without modifications,
  • design for easy adaptation to different users
  • design with a view to connect seamlessly to assistive devices.

Tutto ciò si orienta per progettare senza svantaggi, discriminazioni o stigmatizzazione per alcune categorie di utenti senza dimenticare che questo necessita investimenti e bisogna sensibilizzare le aziende verso l’investimento nella ricerca delle tecnologie accessibili. Non c’è ancora chiarezza sulla certificazione dei prodotti digitali accessibili, prima serve stabilire delle linee guida e requisiti minimi: da questo dipende anche quando l’accessibilità digitale diventerà obbligatoria per legge tanto quanto lo è per gli spazi urbani e architettonici.

L’accessibilità informatica in Italia

Per quanto riguarda la Pubblica Amministrazione, l’accessibilità informatica dei siti web è ampiamente normata e regolata: dapprima con la legge n.4/2004, meglio conosciuta come “Legge Stanca”, a cui è seguito il Decreto Ministeriale 8 luglio 2005 che ha fornito i requisiti tecnici per l’accessibilità e i criteri e metodi per la sua verifica nel famoso Allegato A. Punto di riferimento a livello internazionale sono invece le linee guida fornita dal World Wide Web Consortium (W3C), ovvero le Web Content Accessibility Guidelines (WCAG) 2.0.  Però appena si esce dall’area di competenza di PA si perdono i punti di riferimento e difficilmente si raggiunge chiarezza quando parliamo di un sito privato, di un app, di Realtà Virtuale o di esperienze ibride.

Eventi in Italia dedicati al design accessibile ed inclusivo

HACK-cessibility Day Ancona 2017

Ancona, Venerdi 19 – Sabato 20 Maggio 2017

Manifestazione di sensibilizzazione sull’Accessibilità e sulle Disabilità Visive per sviluppatori software, designer, maker che nasce dalla collaborazione di Codemotion Italia, DevMarcheUICI – Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti (sezione territoriale di Ancona) e altre numerose commuity e aziende Dev&Tech hanno organizzato questa manifestazione per sensibilizzare chi si occupa dello sviluppo di soluzioni in ambito informatico ed elettronico sul tema dell’accessibilità, in particolare per quanto riguarda le persone con disabilità visive (non-vedenti ed ipo-vedenti), ma anche altri aspetti della disabilità in generale.

La partecipazione è gratuita con la possibilità di fare una donazione per supportare l’iniziativa.

👉  Cosa aspetti? Registrati subito!  👈

Due giornate di sessioni, laboratori… e altre “esperienze” per confrontarsi e imparare come rendere più accessibili le nostre creazioni, siano esse siti web, app o device elettronici. Grazie ai ragazzi dell’UICI si potrà avere la possibilità di fare in prima persona delle esperienze “uniche” e provare in prima persona cosa significa affrontare delle situazioni quotidiane nelle condizioni di una persona che ha delle disabilità visive.

Si tratta di una manifestazione perché ci saranno diverse iniziative

Le attività e le iniziative di HACK-cessibility Day Ancona 2017

  • Conferenze, Workshop&Ask The Expert (venerdì e sabato)
    Sessioni su temi relativi all’accessibilità: da quali sono gli strumenti a disposizione nella vita quotidiana per gli utenti con disabilità, a come le varie tecnologie possono aiutarci a realizzare soluzioni maggiormente fruibili.
    Laboratori con cui imparare la teoria e fare un po’ di pratica, con il supporto di esperti nelle varie tecnologie e con la possibilità di confrontarci con utenti disabili, per capire se ciò che stiamo realizzando sia effettivamente accessibile.
    Si parlerá di ux e design, sviluppo (web, mobile, desktop), IoT e realizzazione di dispositivi per migliorare la qualità della vita delle persone con delle disabilità.
  • CoderDojo (sabato pomeriggio)
    I piccoli di oggi saranno gli “hacker” di domani, giusto? Perché oltre ad insegnargli la programmazione, non gli spieghiamo già da oggi anche l’importanza di temi come l’accessibilità? Sia che gestiate un CoderDojo, o semplicemente vogliate portare i vostri bambini, siete i benvenuti! Scopri di più sulle attività che CoderDojo hanno organizzato per voi.
  • Esperienze “sensoriali” (venerdì e sabato)
    Comprendere meglio, in prima persona, cosa significhi vivere con delle disabilità: tra queste, ci saranno ad esempio una “cena al buio” e delle visite guidate ad un “Museo Tattile”.
    Queste esperienze sono molto importanti, perché è inutile parlare di sviluppo di soluzioni accessibili (siano essere software o dispositivi elettronici), se non si cerca di capire meglio in che modo un utente disabile si rapporta con il “mondo esterno”.

    • La Cena al Buio (venerdì sera) è una delle esperienze che ci permetterà maggiormente di capire cosa significhi vivere facendo a meno della vista: proverete a mangiare in una stanza resa completamente scura, serviti da camerieri non vedenti!
      Il prezzo “normale” della cena al buio è di 35 €, ma solo fino a martedì 9 maggio (incluso), il prezzo sarà in offerta a 30€!
    • Grazie al Museo Tattile Statale Omero di Ancona, avremo la possibilità di provare in prima persona come un non-vedente può “vivere l’arte”, visitando bendati il museo ed esplorando con gli altri sensi a nostra disposizione le opere presenti. Sono repliche e modellini di statue e monumenti, anche ben noti: sapremo riconoscerli? :)
    • La sera di sabato 20 maggio, ci sarà l’iniziativa della “Notte Europa dei Musei”, ed il Museo Tattile organizzerà delle visite “speciali”, con attività ad-hoc per l’occasione. Tenete sotto controllo il sito del museo, per restare aggiornati sulle iniziative per quella notte.

👉  Cosa aspetti? Registrati subito!  👈

In attesa dell’evento potete provare l’esperienza di essere un ragazzo non vedente grazie a Blind Project, una delle nominee di Web Design Webby Awards in categoria Charitable Organizations/Non-Profit

Non solo web development… l’angolo dei Maker (sabato)

Per quanto siano importanti sviluppatori e designer, un ruolo fondamentale nel migliorare la qualità della vita di persone con disabilità, nell’epoca attuale, lo hanno i maker, con le loro creazioni!
Troverete a vostra disposizione strumenti che rendono possibili cose impensabili fino a pochi anni fa: schede elettroniche alla portata di tutti, sensori, stampanti 3D, giusto per citarne alcuni. In questo angolo si darà libero sfogo alla fantasia, per sperimentare come usarli per avere un mondo più “accessibile”.
Alcuni strumenti portano gli organizzatori, grazie anche al supporto del gruppo Adam(o) [user group marchigiano su Arduino], voi da casa portatevi pure il vostro “armamentario” :)

Trasformare DISabled in techENABLED è possibile! Cosa aspettiamo? Intanto prendete spunto dal sito di Enabling The Future – A Global Network Of Passionate Volunteers Using 3D Printing To Give The World A “Helping Hand.”

👉  Cosa aspetti? Registrati subito!  👈

Maggiori informazioni, nonchè le modalità di iscrizione (gratuita) all’evento, sono disponibili su http://hackcessibilitydays.it/

Resta aggiornato anche sulla pagina Facebook ufficiale dell’evento

World Usability Day 2017 – Inclusione tramite User Experience

Roma, Giovedì 9 Novembre 2017

LA CONFERENZA CHE DISCUTE PROCESSI DI USER CENTERED DESIGN
PER PROMUOVERE SERVIZI E PRODOTTI USABILI E SOSTENIBILI

WUDRome giunge alla sua quarta edizione portando avanti la mission di diffondere buone pratiche di progettazione e user centered design e offre anche quest’anno un momento di confronto raro ed unico per il settore.

Inclusion Through User Experience

👉  Cosa aspetti? Acquista il biglietto!  👈

Durante la conferenza #WUDRome2017 si avvicenderanno talk, case study e pecha kucha (20×20: 20 immagini/slide e 20 secondi di commento ciascuna, per un totale di 6 minuti e 40 secondi.)

Inclusive Design parte dalla collaborazione

Attualmente è aperta la call for paper, cerchiamo voi per scoprire quali sono gli argomenti più urgenti e importanti da affrontare nel mondo del design e di usabilità quest’anno!

World Usability Day Rome è un evento inclusivo e dà il benvenuto a tutte le persone indipendentemente da genere, età, orientamento sessuale, disabilità, aspetto fisico, corporatura, razza, o religione (o la sua assenza).

Tra le tematiche che proponiamo come spunto insieme alla community del World Usability Day:

  • Universal Design: Creating technology and products that work for everyone
  • Accessibility
  • Create more usable government websites
  • Artificial intelligent (AI) systems supporting global inclusion
  • AI systems to protect against bullying
  • Empathy as a part of collaboration
  • Social Change through Social Media
  • Unity through Social Change
  • Unity is inclusion
  • Change through Inclusion
  • Inclusion through Collaboration
  • Global User Experience as a path towards inclusion

👉  Cosa aspetti? Acquista il biglietto!  👈

Accessibilità, Inclusività e Design Universale: fonti e approfondimenti

Ne conosci altri? Segnala nei commenti!


Also published on Medium.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi questo post su:
Please, rotate the screen
or view the website on other screen.